Home Editoriale Ad un passo dal sogno

Ad un passo dal sogno

1125
0
CONDIVIDI
Foto di Gerry Coviello

Ad un passo dal sogno, ad un passo dal traguardo. Il Potenza avrà pure rallentato la sua corsa, non confermandosi sui livelli alti e forsennati di inizio campionato, ma ora non può più permettersi battute d’arresto. Al Viviani arriva il Taranto, che proprio da quel 2 a 1 del 10 dicembre scorso, ha dato vita ad una rivoluzione tecnica e di risultati. Il girone di ritorno dei ragazzi di mister Cazzarò (per qualche giorno rossoblù nell’estate del 2006) è stato praticamente perfetto: 11 vittorie, 3 pareggi ed una sola sconfitta in trasferta contro la Frattese. Numeri da capogiro per una formazione che con 65 punti è la terza forza del campionato e vuole difendere la posizione playoff dall’assalto dell’Altamura staccato di appena due lunghezze. Il Viviani, è chiaro, reciterà ancora una volta un ruolo primario. In primis perché l’impianto potentino offrirà l’ennesimo colpo d’occhio della stagione con un tutto esaurito da brividi. In secondo luogo perché una vittoria garantirebbe al Potenza la possibilità di festeggiare. Potrebbe materializzarsi quella festa che solamente una settimana fa, mentre i leoni erano a Nardò, la città ha dovuto giocoforza rimandare. A 180 minuti dal termine della regolar season, battere il Taranto significa arrivare alla trasferta contro lo Sporting Fulgor senza pressioni e con l’obiettivo in tasca. Mettere da parte la delusione per la sconfitta di Nardò è l’imperativo senza dimenticare il mancato accesso alla finale di Coppa Italia per non vanificare un lavoro che dura da un anno.
La città è pronta ad esplodere e a tingersi ulteriormente di rossoblù, come già si può notare girando per strade, bar e tutti quei locali che hanno voluto riconoscersi nei colori sociali della squadra della nostra città. Alla squadra e al mister va chiesto un ultimo sforzo che può valere un campionato intero. Il ritorno tra i professionisti è lì, ad un passo dal sogno, ad un passo dal traguardo.