venerdì 19 Luglio 2024

Il Potenza che VARRA’
I

Il nuovo direttore sportivo potentino è stato ospite ieri sera a “La Nuova Del Sud” e dai salotti dell’emittente di proprietà del presidente Macchia ha svelato ciò che sarà del nuovo Potenza

EMOZIONI PERSONALI “Ringrazio Macchia per la fiducia e il Benevento per avermi dato la possibilità di lavorare con un direttore preparato come Pasquale Foggia, sono sicuro che presto approderà in una grande di Serie A. Il presidente mi ha definito un carrarmato, un paragone che mi piace. A Potenza mi sento un direttore di Serie A”.

IL NUOVO POTENZA “Donato Macchia mi ha chiesto di voler creare una struttura che duri negli anni e per fare ciò investirà sul territorio. Le nostre linee guida saranno queste: rispetteremo il minutaggio, ma faremo il giusto mix tra under ed over in sede di costruzione dell’organico. E’ strano però che un calciatore a 21 anni sia considerato ancora un ragazzino poichè in Europa a quell’età già sono protagonisti in grandi palcoscenici quindi non faccio differenze d’età. Senza svenarci economicamente, siamo anche disposti ad investire sui cartellini, se non dovessimo riuscirci prenderemo in prestito prospetti interessanti in giro per l’Italia purché rientrino nei nostri canoni”

SCELTA DEL TECNICO “Sebastiano Siviglia l’ho scelto io, Foggia non c’entra nulla nonostante sia stato suo compagno nella Lazio. Parliamo di un profilo giovane, carismatico e che predilige il 4-3-3, ma non è un integralista e crede nella crescita dei ragazzi. Il profilo giusto per noi. E’ ammissibile che i tifosi inizialmente siano un po’ scettici, ma mi auguro che apprezzeranno il suo calcio verticale e la sua voglia di lavorare. Anche Giuseppe Raffaele, un mio amico, arrivò a Potenza da esordiente per la categoria. Tutti sapete qual’è stato il suo percorso quindi ritengo sia giusto dare tempo a noi e a Siviglia”

FILO DIRETTO CON IL BENEVENTO “Naturalmente con il Benevento ci saranno sempre ottimi rapporti, ma guarderemo anche in casa d’altri per individuare calciatori che possano fare al caso nostro. Siamo aperti al dialogo con altre società. Per i rinnovi ragioneremo con la testa e non con i sentimenti”

spot_img
spot_img

ARTICOLI CORRELATI

- Advertisement -spot_img

ULTIMI ARTICOLI

Il Potenza che VARRA’
I

Il nuovo direttore sportivo potentino è stato ospite ieri sera a “La Nuova Del Sud” e dai salotti dell’emittente di proprietà del presidente Macchia ha svelato ciò che sarà del nuovo Potenza

EMOZIONI PERSONALI “Ringrazio Macchia per la fiducia e il Benevento per avermi dato la possibilità di lavorare con un direttore preparato come Pasquale Foggia, sono sicuro che presto approderà in una grande di Serie A. Il presidente mi ha definito un carrarmato, un paragone che mi piace. A Potenza mi sento un direttore di Serie A”.

IL NUOVO POTENZA “Donato Macchia mi ha chiesto di voler creare una struttura che duri negli anni e per fare ciò investirà sul territorio. Le nostre linee guida saranno queste: rispetteremo il minutaggio, ma faremo il giusto mix tra under ed over in sede di costruzione dell’organico. E’ strano però che un calciatore a 21 anni sia considerato ancora un ragazzino poichè in Europa a quell’età già sono protagonisti in grandi palcoscenici quindi non faccio differenze d’età. Senza svenarci economicamente, siamo anche disposti ad investire sui cartellini, se non dovessimo riuscirci prenderemo in prestito prospetti interessanti in giro per l’Italia purché rientrino nei nostri canoni”

SCELTA DEL TECNICO “Sebastiano Siviglia l’ho scelto io, Foggia non c’entra nulla nonostante sia stato suo compagno nella Lazio. Parliamo di un profilo giovane, carismatico e che predilige il 4-3-3, ma non è un integralista e crede nella crescita dei ragazzi. Il profilo giusto per noi. E’ ammissibile che i tifosi inizialmente siano un po’ scettici, ma mi auguro che apprezzeranno il suo calcio verticale e la sua voglia di lavorare. Anche Giuseppe Raffaele, un mio amico, arrivò a Potenza da esordiente per la categoria. Tutti sapete qual’è stato il suo percorso quindi ritengo sia giusto dare tempo a noi e a Siviglia”

FILO DIRETTO CON IL BENEVENTO “Naturalmente con il Benevento ci saranno sempre ottimi rapporti, ma guarderemo anche in casa d’altri per individuare calciatori che possano fare al caso nostro. Siamo aperti al dialogo con altre società. Per i rinnovi ragioneremo con la testa e non con i sentimenti”

ARTICOLI CORRELATI

ULTIMI ARTICOLI

Il Potenza che VARRA’
I

Il nuovo direttore sportivo potentino è stato ospite ieri sera a “La Nuova Del Sud” e dai salotti dell’emittente di proprietà del presidente Macchia ha svelato ciò che sarà del nuovo Potenza

EMOZIONI PERSONALI “Ringrazio Macchia per la fiducia e il Benevento per avermi dato la possibilità di lavorare con un direttore preparato come Pasquale Foggia, sono sicuro che presto approderà in una grande di Serie A. Il presidente mi ha definito un carrarmato, un paragone che mi piace. A Potenza mi sento un direttore di Serie A”.

IL NUOVO POTENZA “Donato Macchia mi ha chiesto di voler creare una struttura che duri negli anni e per fare ciò investirà sul territorio. Le nostre linee guida saranno queste: rispetteremo il minutaggio, ma faremo il giusto mix tra under ed over in sede di costruzione dell’organico. E’ strano però che un calciatore a 21 anni sia considerato ancora un ragazzino poichè in Europa a quell’età già sono protagonisti in grandi palcoscenici quindi non faccio differenze d’età. Senza svenarci economicamente, siamo anche disposti ad investire sui cartellini, se non dovessimo riuscirci prenderemo in prestito prospetti interessanti in giro per l’Italia purché rientrino nei nostri canoni”

SCELTA DEL TECNICO “Sebastiano Siviglia l’ho scelto io, Foggia non c’entra nulla nonostante sia stato suo compagno nella Lazio. Parliamo di un profilo giovane, carismatico e che predilige il 4-3-3, ma non è un integralista e crede nella crescita dei ragazzi. Il profilo giusto per noi. E’ ammissibile che i tifosi inizialmente siano un po’ scettici, ma mi auguro che apprezzeranno il suo calcio verticale e la sua voglia di lavorare. Anche Giuseppe Raffaele, un mio amico, arrivò a Potenza da esordiente per la categoria. Tutti sapete qual’è stato il suo percorso quindi ritengo sia giusto dare tempo a noi e a Siviglia”

FILO DIRETTO CON IL BENEVENTO “Naturalmente con il Benevento ci saranno sempre ottimi rapporti, ma guarderemo anche in casa d’altri per individuare calciatori che possano fare al caso nostro. Siamo aperti al dialogo con altre società. Per i rinnovi ragioneremo con la testa e non con i sentimenti”

ARTICOLI CORRELATI

ULTIMI ARTICOLI