lunedì 4 Marzo 2024
spot_img

Arleo rassicura: “Siamo diventati squadra. Facciamo punti anche fuori. E su Romero…”
A

Pasquale Arleo alla vigilia della sfida contro il Monopoli in conferenza stampa ha fatto il punto della situazione dopo il pareggio interno contro la Paganese. Il sesto risultato utile consecutivo ha dato al Potenza la consapevolezza di essere sulla strada giusta per la salvezza: “Non abbiamo nulla da perdere. Siamo diventati una squadra, qualcuno si è dimenticato che appena sono arrivato ho ereditato una squadra ultima in classifica. Non riusciamo più a vincere in casa ? Dopo aver ristabilito la legge del Viviani inaugureremo quella delle trasferte. Mi aspetto un Potenza che giochi senza timore, all’arma bianca”

MONOPOLI “Le assenze di Guiebre e Piccinni non cambiano più di tanto il valore di una squadra forte, ermetica, che subisce pochissimi gol. Proprio questo dato ci stimola a sciorinare una grande prestazione, anche se hanno avuto più tempo rispetto a noi per prepararla ma non cerco scusanti”.

SITUAZIONE POTENZA Le assenze di Nigro, Coccia e Gigli obbligano il tecnico potentino a d operare dei cambi nell’undici titolare: “Ho dovuto richiamare 4 elementi dalla Primavera perchè siamo in emergenza. Nonostante ciò siamo pronti a giocarcela ad armi pari con chiunque, chi scenderà in campo dovrà essere pronto alla battaglia”.

ASSENZA CUPPONE “Ci mancherà, senza dubbio. Ho chiesto ai ragazzi massimo impegno e massima applicazione. Sarà sostituito degnamente, ho tante soluzioni a disposizione che sfrutterò”.

VICINANZA CAIATA “Ieri ho sentito il presidente al telefono. Anche se non è presente fisicamente, è sempre con noi e consapevole che possiamo salvare il Potenza. Per noi è un punto di riferimento anche se a volte può sembrare istintivo nelle reazioni è una personale molto razionale”.

REAZIONE ROMERO – TIFOSI “Niccolò ha capito l’errore e si è scusato. Parliamo di un ragazzo maturo e dal punto di vista culturale molto istruito.In questo momento bisogna tenere i nervi saldi e non lasciarsi prendere dall’euforia o dal nervosismo. Remiamo tutti dalla stessa parte, mettiamo da parte sterili polemiche.

GRECO E LA DIFESA A TRE “Greco ha dichiarato di preferire la difesa a tre? Rispetto il suo pensiero e lo faccio mio. Ma le mie squadre devono essere camaleontiche. In questo momento dobbiamo giocare sulle caratteristiche degli avversari per cui volta per volta vanno fatte valutazioni differenti”.

spot_img
spot_img

ARTICOLI CORRELATI

- Advertisement -spot_img

ULTIMI ARTICOLI

- Advertisement -spot_img